Questo sito utilizza solo cookies tecnici di prima parte. Continuando a utilizzare il sito acconsenti all'uso dei cookies.  Maggiori informazioni


Tecnologia, Scuola, Pensieri

Leonardo Di Filippo

  • Dimensioni testo:

    Tipo di carattere:

    Tema:



Dalla sera della vigilia al mattino di S.Stefano, il mio smartphone, il mio notebook, il mio personal computer e persino il mio e-book reader resteranno rigorosamente spenti.

Non riceverò né invierò SMS di auguri, soprattutto non leggerò quelli così generici da lasciare il dubbio, amaro, che il mittente lo abbia scritto una sola volta e inviato poi con un solo click a tutta la rubrica, così, tanto per consumare, almeno a dicembre, il credito di SMS inclusi nel piano tariffario flat.

Eviterò di "scrollare" su e giù le pagine dei social network con le imprese gastronomiche degli amici, associate alle preoccupazioni sui propri bilanci calorici.

Non riceverò gli auguri più vuoti e tristi, cioè quelli dietro ai quali non c'è alcuna intenzione umana, ma solo un DBMS (sistema per la gestione delle basi di dati), come quelli dei siti web di e-commerce sui quali sono registrato.

Soprattutto farò un esperimento che da tempo mi proponevo: una pausa, volontaria, dal rumore assordante della rete.

Invece scambierò "auguri ad alto tasso di umanità" con chi incontro di persona o tramite la viva voce del telefono (fisso). Con tutti gli altri l'appuntamento è rimandato al 26, quando accendendo i dispositivi connessi sarò alle prese con un congruo numero di notifiche.

Buon Natale a tutti.


Passa alla modalità desktopPassa alla modalità mobile